Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Job for Ska office: Project scientist(s)

Job for Ska office: Project scientist(s)

The SKA Office is advertising for the position of Project Scientist, which can be found here http://www.skatelescope.org/people-contacts/jobs/ and in the AAS register.

SKA ORGANISATION

Job Particulars

SKA Project Scientist(s)

Application deadline: 15th May 2013

Competitive Salary and Flexible Benefits

Job Title: SKA Project Scientist(s)

Reference: PS02

Reports To: SKA Science Director

Closing Date for applications: Closing date for receipt of completed applications is

15th May 2013. For details of how to apply please see below.

Submission of applications: Email to jobs@skatelescope.org

http://www.skatelescope.org/wp-content/uploads/2011/05/130313_SKA.Project.Scientist.pdf

archiviato sotto: ,

Scoperta di studenti in viaggio studio al Tng

26/11/2022

Un gruppo di studenti dell’Università di Firenze in viaggio studio al Telescopio nazionale Galileo dell’Inaf, alle Canarie, ha osservato un evento documentato raramente: l’evoluzione dell’attività del nucleo di una galassia a 300 milioni di anni luce dalla Terra. La scoperta è stata ora pubblicata su Astronomy & Astrophysics

Pnrr: il supercalcolo per le sfide del futuro

26/11/2022

Si è appena concluso a Bologna il kick off meeting di Icsc, il nuovo Centro nazionale di Hp, Big Data e Quantum Computing. La sua missione è realizzare in Italia un’infrastruttura digitale nazionale e sviluppare metodi e applicazioni al servizio della ricerca e delle imprese.

Ecco la nuova generazione di astronauti dell’Esa

25/11/2022

L’Europa ha scelto: cinque nuovi astronauti, undici riserve e il primo parastronauta. Diciassette in tutto, otto le donne, selezionati fra oltre 22mila candidati. Fra le riserve ci sono due italiani – Andrea Patassa, 31enne di Spoleto, e Anthea Comellini, 30enne di Chiari – e la ricercatrice del Cnr Meganne Christian, che oltre alle nazionalità britannica, australiana e neozelandese ha anche quella italiana