Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF In Evidenza

In Evidenza

Al via le procedure di selezione per i direttori di istituto
E' stata avviata la procedura di selezione per i direttori di 15 istituti INAF. La scadenza per la presentazione delle candidature è fissata per il 20 giugno, il 30 giugno per quelle riferite alla direzione dell'IASF di Palermo.
Il CdA del 22 e 23 maggio 2014
Breve resoconto informale della seduta
E' ora del 5x1000
Il cinque per mille all'INAF: se volete sostenere la ricerca astrofisica anche con questa scelta, assolutamente gratuita, il codice fiscale dell'Istituto da inserire negli appositi moduli delle dichiarazioni dei redditi è 97220210583
A Giancarlo Setti il premio Sidereus Nuncius
Prima edizione dei Premi INAF – SAIt in diversi settori della Ricerca in Astronomia e Astrofisica

Battuta d’arresto per la talpa marziana

11/07/2020

Dopo essere stato impegnato per mesi in tentativi ingegnosi quanto poco fruttuosi di aiutare la discesa della “talpa” – una sonda progettata per affondare nel terreno e misurare la temperatura degli strati interni del Pianeta rosso – il braccio robotico del lander InSight della Nasa riprende a svolgere i compiti per i quali era stato progettato

E se Pianeta Nove fosse un buco nero?

10/07/2020

Due scienziati della Harvard University hanno sviluppato un nuovo metodo per cercare eventuali buchi neri nel Sistema solare esterno e determinare, una volta per tutte, la vera natura dell’ipotetico Pianeta Nove. “Pianeta” che – ma è solo un’ipotesi ardita – potrebbe essere un buco nero delle dimensioni di un pompelmo, con una massa da cinque a dieci volte quella della Terra. Lo studio è stato accettato per la pubblicazione su ApJ Letters

Quando Mercurio si traveste da cometa

09/07/2020

Mercurio si mette la coda per attirare l’attenzione della Nasa, che pubblica lo scatto di Andrea Alessandrini come Astronomy Picture of the Day di ieri, mercoledì 8 luglio. La coda, lunga oltre 2,5 milioni di chilometri, è dovuta alla presenza di atomi di sodio nell’atmosfera del pianeta, che vengono liberati ed eccitati dalla radiazione solare