Strumenti personali
Fatti riconoscere
Tu sei qui: Home Campi di Attivita' Astrofisica relativistica e particellare Fisica dell'accrescimento e dell'espulsione della materia

Fisica dell'accrescimento e dell'espulsione della materia

La problematica dell’accrescimento su oggetti compatti e la espulsione di getti relativistici può essere suddiviso in tre sezioni: la prima riguarda le sorgenti blazar, in cui il getto domina il sistema, la seconda le binarie X e gli AGN (Active Galactc Nuclei) non “beamed”, in cui le proprietà di accrescimento e getto sono strettamente legate, e la terza sono le binarie contenenti oggetti compatti. In questi campi l'Italia gioca un ruolo da protagonista, grazie al satellite dell’Agenzia Spaziale Italiana AGILE, la cui componente scientifica è rappresentata da INAF e INFN, grazie alla collaborazione con il satellite della NASA Fermi e con il telescopio Cerenkov MAGIC, ma anche per la importante componente teorico-interpretativa.

L'Italia dunque gioca un ruolo di primo piano nello studio dei getti extragalattici e in particolare nei blazar. Dal punto di vista osservativo particolarmente rilevanti sono gli studi multifrequenza di blazar (in particolare nelle bande radio, ottico, X e gamma) che coinvolgono diverse strutture INAF e Università (Insubria, Perugia). L'Italia ha una posizione di leadership nel monitoraggio ottico, avendo un ruolo di primo piano nel consorzio di telescopi medio/piccoli GASP-WEBT. Particolare rilevanza hanno gli studi condotti con AGILE e REM (completamente italiani) da una parte, e Swift, Fermi e MAGIC (con essenziale contributo italiano) dall'altra. Per questi ultimi, il coinvolgimento qualificato di INAF nello sfruttamento dei dati scientifici è assicurato dalla presenza di diversi ricercatori nelle relative collaborazioni internazionali.

Dal punto di vista teorico-interpretativo la posizione italiana è ottima, specialmente per quanto riguarda sia la modellizzazione dell'emissione dei blazars (e più in generale dei getti extragalattici) che la simulazione numerica della formazione e della dinamica dei getti relativistici. Per quanto riguarda gli AGN radio-quieti, il contributo italiano è stato primario. L'Italia copre un ruolo importante anche nello studio di binarie compatte con nane bianche beneficiando di programmi con leadership e co-I italiana che contemplano osservazioni nella banda X con Chandra, XMM-Newton, Swift ed INTEGRAL e nella banda ottica con telescopi sia italiani che dell'ESO.

Per tali studi sono impegnati i satelliti per l’astronomia X come Swift, Chandra, XMM-Newton, Suzaku, RossiXTE; per l’astronomia quelli gamma come INTEGRAL, AGILE e Fermi; da terra il telescopio Cherenkov MAGIC, i telescopi ottici e nell’infrarosso (I/R) VLT, TNG e REM e i radiotelescopi del progetto LOFAR.

Sempre nello stesso ambito sono in fase di studio o realizzazione diversi progetti con partecipazione italiana, come ad esempio il Cherenkov Telescope Array (CTA).

Tanto idrogeno fa, nelle galassie primordiali…

11/06/2021

Utilizzando i dati ottenuti dal radio telescopio indiano Giant Metrewave, un team di astronomi del National Center for Radio Astrophysics e del Raman Research Institute ha misurato per la prima volta il contenuto medio di idrogeno posseduto da alcune galassie 9 miliardi di anni fa, quando l'universo aveva circa cinque miliardi di anni. Un risultato che sposta indietro di un miliardo di anni la lancetta del tempo rispetto alle precedenti stime

Ridurre le emissioni? La risposta nelle stelle

11/06/2021

Cos’hanno in comune l’atmosfera di Titano e i motori a combustione delle nostre auto? La produzione di particolari molecole, gli idrocarburi policlici aromatici – fra cui il benzene – alla base di molti inquinanti ambientali. L’esatto meccanismo di formazione di queste molecole, nello spazio e nei motori, è stato per la prima volta riprodotto in laboratorio e potrebbe rivelarsi decisivo per la produzione di motori più puliti. I risultati su Science Advances

Acqua sulle esolune di pianeti vagabondi

11/06/2021

Le lune di esopianeti vagabondi, mondi orfani della loro stella madre, potrebbero avere acqua liquida in superficie. A suggerirlo è il risultato di uno studio di modellazione atmosferica condotto da un team internazionale di astrofisici. Con il commento dell'astrofisico Tommaso Grassi, co-autore dello studio pubblicato su International Journal of Astrobiology