Strumenti personali
Fatti riconoscere
Tu sei qui: Home Campi di Attivita' Astrofisica relativistica e particellare Fisica dell'accrescimento e dell'espulsione della materia

Fisica dell'accrescimento e dell'espulsione della materia

La problematica dell’accrescimento su oggetti compatti e la espulsione di getti relativistici può essere suddiviso in tre sezioni: la prima riguarda le sorgenti blazar, in cui il getto domina il sistema, la seconda le binarie X e gli AGN (Active Galactc Nuclei) non “beamed”, in cui le proprietà di accrescimento e getto sono strettamente legate, e la terza sono le binarie contenenti oggetti compatti. In questi campi l'Italia gioca un ruolo da protagonista, grazie al satellite dell’Agenzia Spaziale Italiana AGILE, la cui componente scientifica è rappresentata da INAF e INFN, grazie alla collaborazione con il satellite della NASA Fermi e con il telescopio Cerenkov MAGIC, ma anche per la importante componente teorico-interpretativa.

L'Italia dunque gioca un ruolo di primo piano nello studio dei getti extragalattici e in particolare nei blazar. Dal punto di vista osservativo particolarmente rilevanti sono gli studi multifrequenza di blazar (in particolare nelle bande radio, ottico, X e gamma) che coinvolgono diverse strutture INAF e Università (Insubria, Perugia). L'Italia ha una posizione di leadership nel monitoraggio ottico, avendo un ruolo di primo piano nel consorzio di telescopi medio/piccoli GASP-WEBT. Particolare rilevanza hanno gli studi condotti con AGILE e REM (completamente italiani) da una parte, e Swift, Fermi e MAGIC (con essenziale contributo italiano) dall'altra. Per questi ultimi, il coinvolgimento qualificato di INAF nello sfruttamento dei dati scientifici è assicurato dalla presenza di diversi ricercatori nelle relative collaborazioni internazionali.

Dal punto di vista teorico-interpretativo la posizione italiana è ottima, specialmente per quanto riguarda sia la modellizzazione dell'emissione dei blazars (e più in generale dei getti extragalattici) che la simulazione numerica della formazione e della dinamica dei getti relativistici. Per quanto riguarda gli AGN radio-quieti, il contributo italiano è stato primario. L'Italia copre un ruolo importante anche nello studio di binarie compatte con nane bianche beneficiando di programmi con leadership e co-I italiana che contemplano osservazioni nella banda X con Chandra, XMM-Newton, Swift ed INTEGRAL e nella banda ottica con telescopi sia italiani che dell'ESO.

Per tali studi sono impegnati i satelliti per l’astronomia X come Swift, Chandra, XMM-Newton, Suzaku, RossiXTE; per l’astronomia quelli gamma come INTEGRAL, AGILE e Fermi; da terra il telescopio Cherenkov MAGIC, i telescopi ottici e nell’infrarosso (I/R) VLT, TNG e REM e i radiotelescopi del progetto LOFAR.

Sempre nello stesso ambito sono in fase di studio o realizzazione diversi progetti con partecipazione italiana, come ad esempio il Cherenkov Telescope Array (CTA).

Stelle d’altre galassie, 13 miliardi d’anni fa

07/02/2023

Grazie a uno specchio eccezionale – quello del telescopio spaziale James Webb – e a una lente naturale altrettanto straordinaria – l’ammasso di galassie Smacs 0723, un team d’astronomi dell’Università di Stoccolma è riuscito a distinguere addensamenti di stelle in formazione in galassie risalenti a quando l’universo aveva appena 680 milioni di anni

Wolf 1069 b, una terra nella costellazione del Cigno

06/02/2023

Un team di astronomi guidato dal Max Planck Institute for Astronomy ha scoperto un esopianeta simile alla Terra in orbita nella zona abitabile della sua stella, la nana rossa Wolf 1069. Il suo nome è Wolf 1069 b. Si trova a 31 anni luce da noi nella costellazione del Cigno. E sebbene si trovi in blocco mareale con il suo sole, è un obiettivo promettente per indagare l'abitabilità planetaria e per la ricerca di impronte chimiche della vita. Tutti i dettagli su A&A

Due libri sul fluire del tempo

06/02/2023

Fra i tanti libri affascinanti sul tempo, l’astrofisica Patrizia Caraveo ne ha scelti due che affrontano l’argomento in modi completamente diversi: “Il tempo della luce” di Massimo Della Valle e “Il punto di Giano” di Julian Barbour. Con il consenso dell’autrice, vi riproponiamo su Media Inaf la sua recensione, pubblicata ieri sul Sole 24 Ore