Strumenti personali
Fatti riconoscere
Tu sei qui: Home Campi di Attivita' Astrofisica relativistica e particellare Fisica dell'accrescimento e dell'espulsione della materia

Fisica dell'accrescimento e dell'espulsione della materia

La problematica dell’accrescimento su oggetti compatti e la espulsione di getti relativistici può essere suddiviso in tre sezioni: la prima riguarda le sorgenti blazar, in cui il getto domina il sistema, la seconda le binarie X e gli AGN (Active Galactc Nuclei) non “beamed”, in cui le proprietà di accrescimento e getto sono strettamente legate, e la terza sono le binarie contenenti oggetti compatti. In questi campi l'Italia gioca un ruolo da protagonista, grazie al satellite dell’Agenzia Spaziale Italiana AGILE, la cui componente scientifica è rappresentata da INAF e INFN, grazie alla collaborazione con il satellite della NASA Fermi e con il telescopio Cerenkov MAGIC, ma anche per la importante componente teorico-interpretativa.

L'Italia dunque gioca un ruolo di primo piano nello studio dei getti extragalattici e in particolare nei blazar. Dal punto di vista osservativo particolarmente rilevanti sono gli studi multifrequenza di blazar (in particolare nelle bande radio, ottico, X e gamma) che coinvolgono diverse strutture INAF e Università (Insubria, Perugia). L'Italia ha una posizione di leadership nel monitoraggio ottico, avendo un ruolo di primo piano nel consorzio di telescopi medio/piccoli GASP-WEBT. Particolare rilevanza hanno gli studi condotti con AGILE e REM (completamente italiani) da una parte, e Swift, Fermi e MAGIC (con essenziale contributo italiano) dall'altra. Per questi ultimi, il coinvolgimento qualificato di INAF nello sfruttamento dei dati scientifici è assicurato dalla presenza di diversi ricercatori nelle relative collaborazioni internazionali.

Dal punto di vista teorico-interpretativo la posizione italiana è ottima, specialmente per quanto riguarda sia la modellizzazione dell'emissione dei blazars (e più in generale dei getti extragalattici) che la simulazione numerica della formazione e della dinamica dei getti relativistici. Per quanto riguarda gli AGN radio-quieti, il contributo italiano è stato primario. L'Italia copre un ruolo importante anche nello studio di binarie compatte con nane bianche beneficiando di programmi con leadership e co-I italiana che contemplano osservazioni nella banda X con Chandra, XMM-Newton, Swift ed INTEGRAL e nella banda ottica con telescopi sia italiani che dell'ESO.

Per tali studi sono impegnati i satelliti per l’astronomia X come Swift, Chandra, XMM-Newton, Suzaku, RossiXTE; per l’astronomia quelli gamma come INTEGRAL, AGILE e Fermi; da terra il telescopio Cherenkov MAGIC, i telescopi ottici e nell’infrarosso (I/R) VLT, TNG e REM e i radiotelescopi del progetto LOFAR.

Sempre nello stesso ambito sono in fase di studio o realizzazione diversi progetti con partecipazione italiana, come ad esempio il Cherenkov Telescope Array (CTA).

Mondi abitabili attorno a stelle morte? Lo dirà Jwst

18/09/2020

Pianeti di seconda generazione in orbita attorno a una nana bianca – il prodotto finale della vita di una stella come il Sole – rappresentano una promettente opportunità per determinare se la vita possa sopravvivere o generarsi in seguito alla morte della loro stella. Simulazioni condotte alla Cornell University stabiliscono la fattibilità di identificare tracce biologiche nelle atmosfere di questi pianeti usando il telescopio spaziale James Webb

Origine vulcanica per le antiche rocce di Venere

18/09/2020

Un team internazionale di ricercatori ha scoperto che le famose tessere di Venere presentano una stratificazione che sembra coerente con un’origine vulcanica. La scoperta potrebbe fornire approfondimenti sulla storia geologica dell’enigmatico pianeta. Tutti i dettagli su Geology

Giove ed Europa in un ritratto mitico

18/09/2020

Il telescopio spaziale Hubble ha immortalato una scena che rievoca il mito narrato da Ovidio nelle Metamorfosi: Giove e la sua luna Europa. La visione nitida di Hubble fornisce ai ricercatori un bollettino meteorologico aggiornato sull’atmosfera turbolenta del pianeta