Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi

Lavora con noi

Assegno di ricerca per comunicazione multimediale progetto SKA

Pubblica selezione, per titoli ed eventuale colloquio, per il conferimento di un assegno di collaborazione ad attività di ricerca, dal titolo “Ricerca su nuovi metodi e linguaggi della comunicazione scientifica INAF per la diffusione dei risultati e delle notizie inerenti il Progetto S.K.A., Square Kilometre Array, con particolare riferimento allo sviluppo della relativa comunicazione multimediale da svilupparsi principalmente sul web avvalendosi anche delle diverse forme di social-network”. Selezione n. 07/2014/IRA/AR

Leggi il resto

Tributo a Margherita Hack

08/12/2022

Martedì 13 dicembre, dalle 18, al teatro Miela di Trieste, una serata dedicata al ricordo della figura della grande scienziata, nel centenario della nascita, attraverso un dialogo tra Telmo Pievani e la stretta collaboratrice della Hack Francesca Matteucci. Modera Caterina Boccato. Ingresso gratuito

A caccia di materia oscura con due orologi

07/12/2022

Mentre l’accuratezza e la portabilità degli orologi atomici continuano a migliorare, tre scienziati hanno pensato di inviare due di questi orologi di precisione nelle zone più interne del Sistema solare, alla ricerca di materia oscura ultraleggera che ha proprietà ondulatorie che potrebbero influenzarne il funzionamento, e in particolare la differenza nel ticchettio degli stessi

Lungo ma con kilonova: è l’ornitorinco dei Grb

07/12/2022

Spariglia tutti i modelli, il lampo gamma targato Grb 211211A. È durato oltre un minuto, come i Grb che s’accompagnano alle supernove, ma là dove ha avuto origine c’è qualcosa che costringe a rimettere mano a molte teorie: una kilonova. «Nonostante i nomi simili, non potrebbero essere più diverse», dice a Media Inaf Eleonora Troja dell’’Università di Roma Tor Vergata, prima autrice di un articolo pubblicato oggi su Nature che riporta la scoperta