Strumenti personali
Fatti riconoscere
Tu sei qui: Home Campi di Attivita' Sole e Sistema Solare Astrofisica solare

Interno del Sole e Dinamo Solare

Lo studio dei modi acustici solari ha permesso negli ultimi decenni di ricostruire con estrema accuratezza l’interno della nostra stella (stratificazione, rotazione interna e composizione), fornendo importantissime informazioni sulla sua evoluzione, costituzione, dinamica ed attività. Fondamentale è stato anche il contributo dell’eliosismologia alla soluzione del problema dei neutrini solari, fornendo una conferma sperimentale al Modello Standard Solare. Astronomi italiani sono da molti anni coinvolti in studi ed osservazioni di oscillazioni solari partecipando direttamente ai maggiori esperimenti eliosismologici. La comunità eliosismologica italiana è una dei 10 membri del network "HELAS”, the European Helio and Asteroseismology Network.

Acqua sulla Luna alla luce del sole

26/10/2020

Il “telescopio volante” Sofia, installato a bordo di un Boeing 747, ha fornito la prima prova diretta e inequivocabile della presenza di molecole d’acqua sul nostro satellite anche al di fuori delle regioni in ombra permanente ai poli lunari. Lo studio è pubblicato su Nature Astronomy

Ancora acqua intrappolata sulla Luna

26/10/2020

Quarantamila chilometri quadrati di zone d’ombra sulla superficie della Luna potrebbero nascondere una riserva di ghiaccio d’acqua permanente grande il doppio rispetto a quanto stimato finora. Tutti i dettagli in uno studio appena pubblicato su Nature Astronomy.

Bennu: Neo-nato 1.75 milioni di anni fa

26/10/2020

Il tempo di vita di un asteroide è determinato dalla sua resistenza agli impatti con altri corpi minori. In uno studio pubblicato oggi su Nature, gli scienziati della missione spaziale Osiris-Rex hanno stimato direttamente – per la prima volta – la resistenza agli impatti di un asteroide, e di conseguenza l’età superficiale assoluta dei massi che lo costituiscono. Lo studio, che parte da un’analisi dettagliata delle dimensioni e della profondità dei crateri osservati sui massi dell'asteroide Bennu, indica che il corpo è a tutti gli effetti un Near Earth Object da circa 1,75 milioni di anni.