Strumenti personali
Fatti riconoscere
Tu sei qui: Home Campi di Attivita' Sole e Sistema Solare Astrofisica solare

Interno del Sole e Dinamo Solare

Lo studio dei modi acustici solari ha permesso negli ultimi decenni di ricostruire con estrema accuratezza l’interno della nostra stella (stratificazione, rotazione interna e composizione), fornendo importantissime informazioni sulla sua evoluzione, costituzione, dinamica ed attività. Fondamentale è stato anche il contributo dell’eliosismologia alla soluzione del problema dei neutrini solari, fornendo una conferma sperimentale al Modello Standard Solare. Astronomi italiani sono da molti anni coinvolti in studi ed osservazioni di oscillazioni solari partecipando direttamente ai maggiori esperimenti eliosismologici. La comunità eliosismologica italiana è una dei 10 membri del network "HELAS”, the European Helio and Asteroseismology Network.

Multifrattali per capire come nascono le stelle

25/09/2018

In un articolo da poco apparso su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, Davide Elia dell'Inaf descrive i risultati dell’analisi multifrattale svolta sulle nubi molecolari in una porzione di piano galattico corrispondente alla Via Lattea esterna. I risultati mostrano come, grazie alla geometria frattale, sia possibile caratterizzare la struttura delle nubi interstellari, riscontrando sostanziali differenze tra regione e regione, con implicazioni dirette sulla formazione stellare

Catania: tempo di esami per i dischi di Ska

25/09/2018

Il progetto Square Kilometre Array si avvicina velocemente alla fine della fase di progettazione e la costruzione dovrebbe iniziare nei primi mesi del 2020, ma prima tutti i diversi gruppi devono passare l'esame delle temute "critical design review". Il gruppo italiano ci è riuscito con successo. L'intervista a Corrado Trigilio, Inaf di Catania

Oscura, ma necessaria

24/09/2018

Oggi su Nature Astronomy uno studio delle Università di Milano e Durham ribadisce la validità della teoria della relatività generale anche su scala cosmologica: l’energia oscura si conferma una presenza necessaria per spiegare il comportamento del nostro universo