Strumenti personali
Fatti riconoscere
Tu sei qui: Home Campi di Attivita' Tecnologie avanzate e strumentazione Radio, microonde e gravitazione sperimentale Elettronica di back-end per ricevitori coerenti

Elettronica di back-end per ricevitori coerenti

In un ricevitore coerente l'analisi del segnale radio (spettroscopia, spettropolarimetria, interferometria, analisi temporale, osservazione e timing di pulsars) viene effettuata sulla sua rappresentazione come segnale elettrico, debitamente convertito in frequenza. Questa analisi può essere effettuata utilizzando sistemi acusto-ottici, in cui il segnale radio viene convertito in un'onda acustica che modula opportunamente un fascio laser, o sistemi digitali, in cui si opera su una rappresentazione numerica del segnale. La tendenza odierna è quella di utilizzare sistemi digitali con prestazioni, in termini di velocità, complessità e miniaturizzazione sempre più spinte, grazie alla crescente disponibilità di circuiti digitali programmabili veloci. Esistono inoltre, o sono in fase di realizzazione, piattaforme hardware generiche basate su FPGA (Field Programmable Gate Array), per cui vengono sviluppate librerie di moduli applicativi.

Soprattutto in VLBI (Very Long Baseline Interferometry la rete di radiotelescopi estesa su tutti i continenti che effettua le più precise osservazioni dell'Universo nelle frequenze radio), la tendenza è quella di utilizzare una trattazione digitale del segnale a partire dallo stadio di media frequenza. Competenze in questo campo sono filtro digitale per ALMA, spettrometri per Medicina e Noto, ricevitori digitali per Radio Science, sistema ItaSEL, DBBC, Digital Baseband Converter per VLBI. In particolare il sistema DBBC è stato adottato come standard per la rete VLBI europea, ed è sorto uno spin-off industriale per la sua produzione. Un sistema digitale avanzato per analisi di pulsar veloci è in fase di studio per SRT, e permetterebbe di utilizzare questa antenna come strumento unico nell'emisfero nord per lo studio e ricerca di pulsar. Queste attività sono inserite in un progetto nell’ambito del Settimo Programma Quadro (“Digital Developments”), con l'obiettivo di realizzare sistemi digitali con bande istantanee di 4-8 GHz.

La possibilità di connettere antenne tramite reti veloci con banda dell’ordine di Gbit/sec permette la realizzazione di osservazioni VLBI in tempo reale (e-VLBI), rendendo molto più flessibili e dinamiche le pianificazioni osservative, migliorando la qualità delle osservazioni attraverso un feedback costante e rendendo immediatamente disponibili i dati correlati.

Orologi chimici sì, ma con cautela

05/08/2020

Gli orologi chimici, un metodo molto recente utilizzato per datare l'età delle stelle, non sono utilizzabili in modo uniforme per l’intera Via Lattea, come invece si pensava. Lo mostra uno studio guidato da Giada Casali, dottoranda all'Università di Firenze, al quale hanno preso parte numerosi ricercatori dell‘Inaf

Supernova record con un botto di calcio

05/08/2020

Un team guidato dalla Northwestern University sembra avere scoperto la vera natura delle supernove ricche di calcio, rari eventi transienti. Per la prima volta, i ricercatori hanno esaminato una di queste misteriose supernove con imaging a raggi X, che ha permesso di dare uno sguardo senza precedenti alla stella durante l'ultimo mese della sua vita, fino all’esplosione finale. Tutti i dettagli su ApJ

Attenti al Lupo: è una caotica fabbrica di mondi

04/08/2020

Alma rivela la complessità di strutture disegnate dal gas molecolare nel disco protoplanetario di una giovane stella variabile, Ru Lup. Dischi e inviluppi, bracci di spirale e agglomerati di gas si estendono lontanissimo dalla stella e molto oltre il disco di polveri che forma il nucleo roccioso dei pianeti, costringendo a rivedere le teorie in auge per la formazione dei pianeti