Strumenti personali
Fatti riconoscere

Rivelatori Quantici per CMB

Un campo in rapidissima evoluzione e nel quale i gruppi Italiani si sono inseriti sin dall’inizio e stanno ottenendo risultati molto promettenti è quello che utilizza i KIDs, Kinetic Inductance Detectors, in Italiano RIC (Rivelatori ad Induttanza Cinetica).

I Rivelatori ad Induttanza Cinetica (RIC) sono sensori di ultima generazione che si basano sulla presenza di una gap nei livelli energetici del superconduttore. Questo è analogo a quanto accade nei rivelatori a semiconduttore, con la differenza sostanziale che la gap superconduttiva risulta circa mille volte più piccola, permettendo la rivelazione di fotoni di frequenza molto più bassa (da 90 GHz in su).

La caratteristica fondamentale che fa di questi rivelatori i candidati ideali anche per future missioni da pallone o da satellite è la possibilità di leggere il segnale di anche 104-105 pixel per mezzo di un unico cavo coassiale e di un amplificatore HEMT (High Electron Mobility Transistor) a banda larga, riducendo enormemente il carico termico sullo stadio criogenico dell’esperimento.

Inoltre, il processo di fabbricazione è relativamente semplice e flessibile, fattibile in facilities italiane, e la libertà nella scelta dei materiali permette di usare i RIC per lunghezze d’onda che vanno dal millimetrico e arrivano fino alla banda X.

Orologi chimici sì, ma con cautela

05/08/2020

Gli orologi chimici, un metodo molto recente utilizzato per datare l'età delle stelle, non sono utilizzabili in modo uniforme per l’intera Via Lattea, come invece si pensava. Lo mostra uno studio guidato da Giada Casali, dottoranda all'Università di Firenze, al quale hanno preso parte numerosi ricercatori dell‘Inaf

Supernova record con un botto di calcio

05/08/2020

Un team guidato dalla Northwestern University sembra avere scoperto la vera natura delle supernove ricche di calcio, rari eventi transienti. Per la prima volta, i ricercatori hanno esaminato una di queste misteriose supernove con imaging a raggi X, che ha permesso di dare uno sguardo senza precedenti alla stella durante l'ultimo mese della sua vita, fino all’esplosione finale. Tutti i dettagli su ApJ

Attenti al Lupo: è una caotica fabbrica di mondi

04/08/2020

Alma rivela la complessità di strutture disegnate dal gas molecolare nel disco protoplanetario di una giovane stella variabile, Ru Lup. Dischi e inviluppi, bracci di spirale e agglomerati di gas si estendono lontanissimo dalla stella e molto oltre il disco di polveri che forma il nucleo roccioso dei pianeti, costringendo a rivedere le teorie in auge per la formazione dei pianeti