Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi

Lavora con noi

Assegno di ricerca per comunicazione multimediale progetto SKA

Pubblica selezione, per titoli ed eventuale colloquio, per il conferimento di un assegno di collaborazione ad attività di ricerca, dal titolo “Ricerca su nuovi metodi e linguaggi della comunicazione scientifica INAF per la diffusione dei risultati e delle notizie inerenti il Progetto S.K.A., Square Kilometre Array, con particolare riferimento allo sviluppo della relativa comunicazione multimediale da svilupparsi principalmente sul web avvalendosi anche delle diverse forme di social-network”. Selezione n. 07/2014/IRA/AR

Leggi il resto

Cartografia chimica nel disco della Via Lattea

30/09/2022

La struttura a spirale che caratterizza la nostra galassia, la Via Lattea, lascia un'impronta nella chimica delle stelle. A scoprirla un team di astronomi guidato da Eloisa Poggio, ricercatrice all'Observatoire de la Côte d’Azur di Nizza e associata Inaf, che con i più recenti dati del satellite Esa Gaia ha costruito la mappa delle abbondanze chimiche delle stelle entro un raggio di 13mila anni luce dal Sole

Fotosintesi su mondi alieni alla luce d’un simulatore

30/09/2022

All’Europlanet Science Congress è stato presentato un ingegnoso esperimento, nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di biologia e l’Inaf di Padova, che ha permesso di dimostrare come i cianobatteri e altri microrganismi possano crescere su pianeti rocciosi orbitanti intorno alle nane rosse, le stelle più abbondanti nella nostra galassia

Acqua su Marte, c’è una nuova conferma

29/09/2022

Uno studio condotto da un team italo-statunitense, pubblicato ieri su Nature Communications, torna ad avvalorare l’ipotesi – avanzata per la prima volta nel 2018 – della presenza di acqua salata allo stato liquido nel sottosuolo del Pianeta rosso, messa appena tre giorni fa in discussione da un altro studio pubblicato su Nature Astronomy