Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi

Sedi

Sede Centrale INAF
Osservatorio di Torino
Osservatorio astronomico di Torino
Osservatorio di Brera
Osservatorio astronomico di Brera (Milano)
IASF Milano
Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Milano
Osservatorio di Padova
Osservatorio astronomico di Padova
Osservatorio di Trieste
Osservatorio astronomico di Trieste
Osservatorio di Bologna
Osservatorio astronomico di Bologna
IRA Bologna
Istituto di Radioastronomia
IASF Bologna
Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Bologna
Osservatorio di Arcetri (FI)
Osservatorio astrofisico di Arcetri (Firenze)
Osservatorio di Teramo
Osservatorio astronomico di Teramo
Osservatorio di Roma
Osservatorio astronomico di Roma
IAPS Roma
Osservatorio di Capodimonte (NA)
Osservatorio astronomico di Capodimonte (Napoli)
Osservatorio di Cagliari
Osservatorio astronomico di Cagliari
Osservatorio di Palermo
Osservatorio astronomico di Palermo
IASF Palermo
Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Palermo
Osservatorio di Catania
Osservatorio astrofisico di Catania
Telescopio Nazionale Galileo (La Palma, Isole Canarie)
Telescopio Nazionale Galileo (La Palma, Isole Canarie)

Coppia di buchi neri a un anno luce dalla fusione

20/09/2017

Si tratta della coppia di buchi neri supermassicci più stretta finora osservata. La ridotta distanza orbitale e la grande massa dei due oggetti (in totale, quaranta milioni di volte la massa del Sole) preannuncia una coalescenza imminente e - magari - una nuova rilevazione di onde gravitazionali.

Raggi cosmici: Cas A non schiaccia l’acceleratore

20/09/2017

Gli scienziati hanno sostenuto per decenni che i raggi cosmici sono accelerati, fino alle energie più alte osservate, in quel che rimane dopo l’esplosione di una supernova. Tuttavia i telescopi Magic hanno osservato che quello che finora era considerato uno dei migliori candidati, il residuo della supernova Cassiopeia A, non dispone in realtà dell’energia richiesta

Le miniere spaziali del futuro

20/09/2017

Presentato ieri all'European Planetary Science Congress un white paper che illustra le sfide da superare dalla nascente industria mineraria spaziale. Uno scambio tra comunità scientifica e imprese per rendere questa nuova corsa all'oro una realtà.