Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi

Sedi

Sede Centrale INAF
Osservatorio di Torino
Osservatorio astrofisico di Torino
Osservatorio di Brera
Osservatorio astronomico di Brera (Milano)
IASF Milano
Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Milano
Osservatorio di Padova
Osservatorio astronomico di Padova
Osservatorio di Trieste
Osservatorio astronomico di Trieste
OAS Bologna
Osservatorio di Astrofisica e Scienza dello spazio di Bologna
IRA Bologna
Istituto di Radioastronomia
OAS Bologna
Osservatorio di Astrofisica e Scienza dello spazio di Bologna
Osservatorio di Arcetri (FI)
Osservatorio astrofisico di Arcetri (Firenze)
Osservatorio d'Abruzzo
Osservatorio astronomico d'Abruzzo
Osservatorio di Roma
Osservatorio astronomico di Roma
IAPS Roma
Osservatorio di Capodimonte (NA)
Osservatorio astronomico di Capodimonte (Napoli)
Osservatorio di Cagliari
Osservatorio astronomico di Cagliari
Osservatorio di Palermo
Osservatorio astronomico di Palermo
IASF Palermo
Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Palermo
Osservatorio di Catania
Osservatorio astrofisico di Catania
Telescopio Nazionale Galileo (La Palma, Isole Canarie)
Telescopio Nazionale Galileo (La Palma, Isole Canarie)

La strana coppia da record

26/10/2020

Un gruppo di ricerca internazionale guidato dal Max Planck Institute for Gravitational Physics ha identificato una misteriosa sorgente di raggi gamma. Si tratta di un sistema binario da record: una pesante stella di neutroni con una compagna di massa molto bassa a solo 1.3 volte la distanza Terra-Luna, che le orbita attorno in 75 minuti, a una velocità di oltre 700 chilometri al secondo. Tutti i dettagli su ApJ Letters

L’ingrediente segreto dei potenti getti dei quasar

26/10/2020

Perché alcuni buchi neri supermassicci emettono getti di materia di grande potenza e altri no? Una possibile risposta arriva da uno studio condotto su oltre 700 quasar con Chandra, Xmm-Newton, Rosat, il Very Large Array e la Sloan Digital Sky Survey

Osiris-Rex, il raccolto è andato bene. Forse troppo

24/10/2020

Le prime immagini inviate a Terra mostrano una perdita di materiale dalla testa raccogli-campioni, che non si è chiusa in modo corretto. Segno che sicuramente polvere e rocce sono state raccolte, pare ben più dei 60 grammi indicati come obiettivo minimo. Ma una parte è già fuoriuscita, e la Nasa sta correndo ai ripari per mettere in salvo al più presto quel che resta del prezioso carico