Strumenti personali
Fatti riconoscere
Tu sei qui: Home Sedi Sede Centrale INAF Direzione Scientifica Attività Della Direzione Scientifica Musei Le collezioni di strumentazione astronomica storica in Italia

Le collezioni di strumentazione astronomica storica in Italia

 

Servizio "Musei dell'INAF"

 

I Musei e le collezioni di strumenti astronomici storici dell’INAF:

 

Catalogo storico degli strumenti - Osservatorio Astronomico di Catania
Responsabile: dott. Gianfranco Occhipinti (Gianfranco.Occhipinti@oact.inaf.it)


Museo dell'Astronomia - Osservatorio Astronomico di Capodimonte
Responsabile: dott. Mauro Gargano (gargano@oacn.inaf.it)


Museo di Collurania - Osservatorio Astronomico di Teramo
Responsabile: dott. Lucio Pacinelli
(pacinelli@oa-teramo.inaf.it)


Museo La Specola - Osservatorio Astronomico di Padova
Responsabile: dott.ssa Valeria Zanini (valeria.zanini@oapd.inaf.it)


Museo della Specola - Osservatorio Astronomico di Palermo
Responsabile: dott.ssa Ileana Chinnici (chinnici@astropa.unipa.it)


Museo Astronomico e Copernicano dell'Osservatorio Astronomico di Roma
Responsabile: dott.ssa Marinella Calisi (calisi@inaf.it)


Museo dell’Osservatorio Astronomico di Trieste

Responsabile: dott. Conrad Bohm (boehm@oats.inaf.it)


Museo dell’Osservatorio Astronomico di Torino
Responsabile: dott. Giuseppe Massone (massone@oato.inaf.it)


Museo di Brera - Milano

 

Altri musei e collezioni storiche in Italia:

 

 


navigazione locale
Dopo aver conseguito il dottorato di ricerca all'Università di Calgary (Canada), Palumbo è stato dapprima ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche, per poi diventare professore associato, poi ordinario, presso il Dipartimento di Astronomia dell’Università di Bologna

Dopo aver conseguito il dottorato di ricerca all'Università di Calgary (Canada), Palumbo è stato dapprima ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche, per poi diventare professore associato, poi ordinario, presso il Dipartimento di Astronomia dell’Università di Bologna

Consegnato oggi allo stabilimento di ThalesAlenia Space a Torino il modello avionico dello strumento NIS, l’“occhio” nell’infrarosso che, insieme a quello nel visibile VIS, permetterà alla missione spaziale dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) Euclid di studiare con un livello di accuratezza mai raggiunto prima l’Universo Oscuro

Consegnato oggi allo stabilimento di ThalesAlenia Space a Torino il modello avionico dello strumento NIS, l’“occhio” nell’infrarosso che, insieme a quello nel visibile VIS, permetterà alla missione spaziale dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) Euclid di studiare con un livello di accuratezza mai raggiunto prima l’Universo Oscuro